ARVOL LOOKING HORSE
Foto tessera
Arvol Looking Horse e’ nato nella riserva Cheyenne River Reservation nel Sud Dakota nel 1954.  
Cresciuto dai nonni Lucy e Thomas Looking Horse, ha imparato la cultura e credenze spirituali dei Lakota.  Parla sia la lingua Lakota che l’inglese.  
All’eta’ di dodici anni gli viene data l’enorme responsabilita’ di diventare il Portatore della Pipa del Sacro Bisonte Bianco (Keeper of the Sacred White Buffalo Calf Pipe) di diciannovesima generazione, il piu’ giovane nella storia.  In molte occasioni si e’ sentito sopraffatto dall’enorme peso di questa responsabilita’ ereditata dalle Nazioni Lakota, Dakota e Nakota in cosi’ giovane eta’.  
Cresciuto in un era dove ha dovuto assistere alla soppressione delle pratiche spirituali della sua gente, ha quindi deciso di “lavorare per il cambiamento e far sapere al mondo quanto bello sia il nostro modo di vivere, in modo che la settima generazione possa avere un futuro migliore.” La sua vita ha sempre ruotato intorno al suo impegno di lottare per la liberta’ religiosa, la sopravvivenza culturale ed il risveglio spirituale.   
Nel 1986, in qualità di leader spirituale dei “Bigfoot Riders”(i cavalieri della cavalcata in memoria di capo Piede Grosso, capo della tribù massacrata a Wounded Knee), ha dato inizio alla profezia conosciuta come “Mending the Sacred Hoop of the Nation” (Ricostruire il Cerchio Sacro della Nazione).  
Chief Looking Horse ha onorato il tragitto della guarigione, cavalcando insieme ai Bigfoot Riders tutti gli anni dal 15 al 29 dicembre, con temperature molto severe, ripercorrendo lo stesso percorso seguito dalla banda di Capo Piede Grosso e la sua banda prima di essere massacrati a Wounded Knee. I Bigfoot Riders rivivono cosi' le difficolta’ che hanno dovuto subire Chief Bigfoot e la sua banda, orgogliosi di aver toccato lo spirito di coloro che hanno dato cosi’ tanto per il modo di vivere lakota.

Nel 1993 Chief Looking Horse si e’ recato a New York con altri anziani di diverse Nazioni per la conferenza delle Nazioni Unite “Cry of the Earth” (Il Grido della Terra), dove ha recitato la preghiera di apertura.  L’Organizzazione “The Unrepresented Nations and Peoples Organization” (Organizzazione delle Nazioni e Popoli Non Rappresentati) lo ha invitato in Olanda per pregare per la Pace e l’Unita’ nel 1994.  

Nel 1994, la nascita di un Sacro Bufalo Bianco nel Wisconsin lo portò ad intraprendere un altro viaggio spirituale di quattro anni per organizzare il World Peace and Prayer Day (Il Giorno Mondiale della Pace e Preghiera) il 21 Giugno, nelle quattro direzioni.  

Nel 1996, ha intrapreso il viaggio “Unity Ride” (il Viaggio dell’Unita’) dalla riserva Wahpeton Dakota Reservation, Saskatchewan, dove i Bigfoot Riders hanno cavalcato fino a Devil’s Tower (la Torre del Diavolo), conosciuta con il nome di “Grey Horn Butte (He Hota Paha)”, sito del primo raduno mondiale del “World Peace and Prayer”.  Il secondo raduno del “World Peace and Prayer” fu ospitato da Chief Sundown della riserva “Joseph Bighead” in Canada.  Il raduno del terzo anno si e’ tenuto a Pipestone, Minnesota, dove si dice che “il sangue sacro della gente si trova nelle vene della roccia che viene estratta per scolpire le pipe sacre”. 

Questo particolare raduno e’ stato un richiamo per la settima generazione ad accorrere da diverse Nazioni, insieme ai Bigfoot Unity Riders che cavalcano dall’est partendo dal sito di un altro massacro, Birch Coulee, dove durante una rivolta Dakota Sioux nel 1862 circa 38 Dakota furono impiccati a Mankato.

New Orleans ha onorato Chief Looking Horse proclamando il 27 Agosto come “Il Giorno del Bisonte Bianco”, (White Buffalo Day), ed ha ricevuto le chiavi delle città dal sindaco nel 1996.  Chief Looking Horse ha ricevuto il prestigioso Canadian Wolf Award (Premio Lupo Canadese), riconosciuto a quelle persone che hanno dedicato la loro vita a lottare per la Pace.  Il primo Wolf Award fu dato a Nelson Mandela, il Presidente del Sud Africa.  Arvol fu invitato a parlare della pace e l’unita’ all’inaugurazione di Clinton nel 1996.

Dai primi anni novanta, Chief Looking Horse e’ membro del Board of the Society of Peace and Prayer (Consiglio della Societa’ della Pace e Preghiera), che pianta Pali della Pace intorno al mondo con l’iscrizione “May Peace Prevail on Earth” (Possa la Pace Prevalere sulla Terra), in quattro lingue diverse.  

ChiefArvolLookingHorse300Nel 1998, Chief Looking Horse ha parlato sul tema dei siti sacri e della liberta’ di religione davanti alla Special Reporter Committee alle Nazioni Unite.  E’ stata la prima volta nella storia che un rappresentante delle Nazioni Unite si e’ recato negli Stati Uniti per ascoltare e annotare preoccupazioni da discutere a Ginevra e che riguardassero la liberta’ di religione dei popoli indigeni. Nella sua opera per la pace internazionale e la guarigione globale, Chief Looking Horse  si è recato in Iraq per pregare per la pace, ha fatto parte ed ha guidato il gruppo spirituale degli Anziani della sua Nazione, si e’ recato in Sud Africa per incontrare il leader spirituale Desmond Tutu nel Global Healing and World Peace and Prayer Day (Giorno Mondiale della Pace Preghiera e Guarigione Globale). 

Nel 1995 si e’ incontrato con il Dalai Lama per instaurare un rapporto tra il Tibet e la Nazione Lakota. Chief Looking Horse è anche impegnato nel recupero delle spoglie degli antenati da musei come lo Smithsonian.  Continua a lavorare verso il rimpatrio dei resti umani e cimeli sacri nello sforzo di riportare rispetto e rituali verso la sacralita’.  Il suo lavoro e’ stato interminabile nell’impartire lezioni sulla liberta’ di religione, protezione dei siti sacri e sopravvivenza della sua cultura.  Il suo lascito vivente e’ di riportare orgoglio e restituzione alle terre, cultura e spiritualita’ dei Lakota, Dakota e Nakota.

 

Copyright © 2017. AKICITA ONLUS.